Cucina italiana: più che pasta

Lug 26, 2020 | Uncategorized | 0 commenti

Vai in qualsiasi ristorante di famiglia con in mente la cucina italiana e probabilmente ordinerai pollo alla parmigiana, pasta Alfredo, spaghetti e polpette, o forse una pizza. È facile pensare che un po’ di pasta, un po’ di sugo alla marinara, una crosta di pane italiano e un bicchiere di vino siano l’inizio e la fine della cucina italiana, soprattutto se sei cresciuto negli Stati Uniti. C’è molto di più che salsa rossa e l’amido all’ordine del giorno per la maggior parte delle cucine regionali italiane, e con tutte le varie regioni e culture nello stivale sull’oceano, le cucine regionali italiane hanno tanta varietà quanto il tuo isolato medio di New York City.

C’è la regione turistica della Toscana, sulla costa nord-occidentale dell’Italia. La Toscana è ricercata per i suoi piatti semplici ma gustosi, conditi con parsimonia con basilico, prezzemolo e timo. Il pane toscano e un po’ di olio d’oliva sono una parte importante dei piatti di mare della regione Toscana.

L’Abruzzo, un tesoro poco conosciuto nella parte mediorientale dello stivale, mescola il peperoncino in quasi tutti i suoi piatti. Come molte altre regioni d’Italia, c’è un misto di piatti di montagna e di mare. La pasta è molto spesso un primo piatto, invece di una parte di uno stufato o di un entre. La maggior parte degli chef abruzzesi è abile nell’arrotolare a mano le proprie paste ripiene, e le crepes sono utilizzate nei piatti di carne, arrotolate in salse saporite o messe nei brodi. La polenta si gusta con salsicce sostanziose e sughi ricchi e carnosi.

La Sardegna, un’isola al largo della costa occidentale dell’Italia, ospita una ricca tradizione di pesca e un bellissimo paesaggio montuoso dell’entroterra. Questo, oltre a un ricco patrimonio non solo di italiani, ma anche arabi, francesi, greci e spagnoli, ha reso l’isola sede di una cultura diversificata di piatti di pesce e carne conditi con finocchio e zafferano. Stufati e paste ricche e sostanziose costituiscono gran parte della cucina locale in Sardegna, così come i formaggi di pecora.

L’Emilia-Romagna è forse la regione d’Italia più ricercata per quanto riguarda la cucina locale. Viene spesso chiamato il paniere di mercato d’Italia. Situata nel nord Italia, l’Emilia-Romagna è la patria di molti dei piatti più famosi d’Italia, come il prosciutto di Parma, la mortadella, il Parmigiano-Reggiano e l’aceto balsamico. Gli chef dell’Emilia Romagna hanno un debole per la presentazione gregaria e le spezie ricche.

Proprio come l’idea americana del cibo cinese, l’idea americana del cibo italiano è solo la punta dell’iceberg. La cucina regionale italiana è caratterizzata dalla località del paese nell’Africa settentrionale e in altri paesi del Mediterraneo, nonché da un paesaggio locale diversificato, che va dalle montagne agli oceani. Pastori, negozianti, agricoltori e pescatori contribuiscono tutti a una delle cucine culturali più diverse al mondo. La prossima volta che hai voglia di cibo italiano, prova qualcosa di un po’ diverso dai tuoi soliti spaghetti e polpette, magari uno stufato di pesce allo zafferano o una polenta. State tranquilli, non penserete più alle parole cucina italiana.

You May Also Like

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WordPress Image Lightbox