Come scegliere un vino italiano per la tua cena

Lug 26, 2020 | Uncategorized | 0 commenti

Gli intenditori di vino si vantano regolarmente delle loro pregiate collezioni di vini italiani e giustamente. Anche se non sei un intenditore, entro la fine di questo articolo sarai in grado di proporre il tuo miglior vino italiano.

L’Italia è meglio conosciuta per il suo Moscato, Barolo, Chianti e Soave; ma ci sono numerose varietà che aspettano solo di essere gustate. L’Italia produce più vino di qualsiasi altro paese e produce la più ampia selezione di vini. Quando scegli un vino italiano, anche se non hai capacità di acquisto del vino, le probabilità di trovarne uno scadente sono molto scarse, quindi rilassati!

Il vino piemontese offre vini rossi dal corpo leggero e rinfrescanti. Da qui nascono i famosi vini Barolo e Barbaresco.

L’uva Barbera si presenta in rossi corposi. L’uva Dolcetto è di corpo leggero e decisamente secco. L’uva Nebbiolo è responsabile dei vini secchi e corposi della zona. Il Moscato Bianco è l’uva responsabile dei vini bianchi frizzanti della zona.

E poi c’è l’indulgenza del Chianti toscano. È probabile che ti sia concesso questo delizioso vino se hai mai cenato in un ristorante italiano. I famosi vini della regione includono Chianti, Brunello, Vino Nobile di Monepulciano e Vernaccia de San Giminagno.

L’uva Sangiovese con il suo sapore robusto viene utilizzata in vini rossi di medio e corposo. La Vernaccia è l’uva d’elezione per una varietà di vini bianchi dolci e secchi.

Puoi ordinare vini dall’Italia in qualsiasi colore, stile o sapore; ma se vuoi essere sicuro di scegliere un buon vino italiano cerca la classificazione DOCG. Questo non garantisce un vino dal gusto migliore, indica solo il livello di qualità che è stato mantenuto per almeno 5 anni, il che mette le probabilità a tuo favore.

Ricorda questa semplice regola empirica. I rossi vanno con le carni rosse e i bianchi vanno con le carni bianche. È una semplice regola che aiuta molto a scegliere un vino per il pasto.

Gli italiani regolano rigorosamente i loro vini all’interno di quattro classificazioni, dai vini superiori strettamente regolamentati alle normative clementi e all’innovazione creativa. Sono i seguenti:

1. DOCG è il più severo dei livelli regolamentari. Il rendimento in uscita è regolamentato; viene analizzata la composizione dei vini; c’è una gradazione alcolica minima; e ci sono periodi minimi di invecchiamento.

2. DOC è la qualificazione di tutti i vini di qualità. Il rendimento in uscita è regolamentato; l’origine è regolamentata; c’è una gradazione alcolica minima; ci sono periodi minimi di invecchiamento; e il vitigno è regolamentato.

3. IGT è classificato come ottimo rapporto qualità prezzo. Ci sono meno restrizioni di qualità, così come territori più ampi; e le proporzioni dell’uva non sono regolamentate.

4. Il vino da tavola è il vino che si consuma quotidianamente in Italia. Include alcuni dei vini più costosi e alcuni dei vini meno costosi. La gradazione alcolica è regolamentata e così anche le tecniche di vinificazione.

Non era così semplice? Stai per diventare un intenditore di vino italiano!

You May Also Like

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WordPress Image Lightbox